Uno studio quarantennale del Rodale Institute ha messo a confronto le tecniche dell’agricoltura biologica con quelle convenzionali: scopriamo i risultati.

I risultati mostrano in modo chiaro come le rese produttive siano uguali o migliori per il bio che inoltre apporta benefici economici e ambientali. L’agricoltura convenzionale, invece, porta ad un degrado del suolo e a rendimenti decrescenti.

L’agricoltura biologica eguaglia quella convenzionale in termini di rendimento, fornendo anche diversi benefici ambientali, economici e agronomici per gli operatori, i consumatori e il Pianeta.Sono questi i risultati rilevati dal Farming systems trial (Fst) uno studio comparativo a lungo termine  del Rodale Institute avviato nel 1981 e portato avanti per oltre  40 anni il cui obiettivo è misurare gli impatti diversi tra i due metodi agricoli. .

Convenzionale e biologico: i sistemi agricoli a confronto

Il Rodale Institute a Kutztown, in Pennsylvania, ha avviato questa ricerca che si è svolta con analisiscientifiche sul campo, che hanno documentato l’impatto di diverse pratiche agricole su cinque ettari di terreno, coltivati a cereali. In particolare, il Farming systems trial ha messo a confronto tre sistemi agricoli:

• un sistema agricolo convenzionale basato su input chimici dove per aumentare la fertilità è stato utilizzato dell’azoto sintetico e per il controllo delle infestanti sono stati utilizzati erbicidi chimici di sintesi; 

• un sistema agricolo biologico basato su dei legumi utilizzati come colture di copertura che avevano la funzione principale di fertilizzare il terreno. Come strategia di difesa contro i parassiti è stata utilizzata la rotazione delle colture

• un sistema agricolo biologico con leguminose di copertura dove, inoltre, per fertilizzare il terreno è stato utilizzato del letame, con applicazioni periodiche. La rotazione diversificata delle colture è stata scelta anche in questo caso come difesa contro i parassiti. 

I risultati dello studio dimostrano che i terreni gestiti in bio hanno migliori capacità di trattenere CO2 e che l‘infiltrazione dell’acqua nel terreno è significativamente più veloce rispetto alle pratiche convenzionali. Secondo i dati raccolti, inoltre, i sistemi biologici hanno una resa pari a quella dei sistemi convenzionaliQuesto ancor di più in caso di condizioni meteorologiche estreme, per esempio, in caso di siccità la resa complessiva del mais bio è stata del 31% superiore alla produzione convenzionale. Infine, dall’analisi dei costi, della manodopera, dei rendimenti e dei rischi, risulta che il sistema più redditizio per gli agricoltori è quello biologico con l’utilizzo di letame come fertilizzante

Secondo il Rodale Institute, lo studio dimostra in modo chiaro e coerente che le pratiche convenzionali portano inevitabilmente al depauperamento del suolo e riduzione delle rese per gli agricoltori; al contrario, una gestione biologica tutela la salute dei suoli, le colture, l’ambiente e gli agricoltori ed è la strada da seguire per pianeta sano e un futuro sostenibile.

Il valore dell’agroecologia in chiave socioeconomica, pubblicato uno studio dell’Università Sant’Anna di Pisa e di ISARA di Lione

L’EXPORT UN’OPPORTUNITÀ FONDAMENTALE PER IL BIOLOGICO ITALIANO

Il Bio continua a crescere: presentati i dati EUROSTAT sull’agricoltura biologica in Europa.

Being Organic in EU: on line un nuovo database fotografico gratuito per l’agricoltura biologica

I risultati dell’indagine di mercato, sul settore biologico italiano nell’ambito del progetto Being Organic in Eu.

Alt="guida del consumatore Being Organic In Eu"

Scopri il biologico europeo con la guida Being Organic in Eu

Alt=" rete italiana dei comuni liberi da pesticidi chimici"

I TERRITORI AMANO IL BIO – IN TOUR –

Alt="campi coltivati con metodo biologico aumentano la biodiversità del 30 per cento"

L’AGRICOLTURA BIO AUMENTA FINO AL 30% LA BIODIVERSITÀ

EUROPEAN ORGANIC DAY. IL 23 SETTEMBRE SI CELEBRA L’ECCELLENZA DEL BIO EUROPEO

BEING ORGANIC EU AL CENTRO DELL’ORGANIC FOOD CONFERENCE